La psicologia è esperienza, e guai se non fosse così!
Se non fosse così non ci sarebbero le emozioni in grado di farci tremare, sudare, e quelle strane sensazioni che cambiano.
Lo fanno per avvisarci che c’è un cambiamento, che avviene naturalmente ed è attento all’altro.

Chi è l’altro?

L’altro è uomo, donna o un semplice oggetto in grado di creare la relazione o le tante relazioni – tra pene, menzogne, rabbia, desiderio – che sul corpo sanno parlare, nascere e morire.
Nel gruppo l’attore (partecipante) recita e vive personaggi differenti ed interessanti, ma rimane la persona unica e irripetibile che “deve” essere.

 

Emozioni nel Gruppo EP

 

Ieri sera, nel nostro Gruppo EP (gruppo sulle relazioni) a Gagliano del Capo è stato emozionante vedere i partecipanti – donne fantastiche e piene di risorse – confrontarsi ed emozionarsi.

Mani sudate e mani tremanti si sono incontrate, coccolate e un po’ “desiderate”.

Una scoperta continua… Il gruppo abbraccia l’esperienza di tutti e di nessuno e in quest’ultimo la “magia” si rivela a tratti, come se volesse sorprenderci e stupirci un po’.

Tutto è avvenuto in un’ora e mezza, è il tempo del gruppo e di ogni partecipante.

È prezioso poiché è il tempo del cambiamento, dell’evoluzione, della fiducia e della conoscenza.

 

Buon fine settimana.

 

andrea de nuccio

 

In questo articolo

Scrivi un commento