*La psicologia è la mia materia, il mio lavoro, la mia passione: dall’inconscio emerge “Esperienza Psicologica”

Giorni fa, parlando del mio blog in chat con un amico ho letto questa sua bellissima frase: “è bello vedere crescere le idee nate dal cuore”.

Sono sicuro che anche le sue parole vengono dal cuore!

La mattina del 30 agosto, dopo aver preso un buon caffè, ho acceso il mio computer e ho iniziato a scrivere nella maniera più insensata possibile, senza alcun tipo di controllo: lasciavo che le dita delle mie mani scivolassero da sole sulla tastiera.

Alla fine della mia scrittura automatica avevo una foglio word pieno di “fesserie”, ma in mezzo alle tante fesserie, che però venivano dal cuore, spesso leggevo la parola “esperienza”.

Perfetto! Sapevo d’aver trovato la parola giusta, di sicuro piaceva al mio inconscio.

Ho aggiunto poi, con più consapevolezza, il termine “psicologica“.

La psicologia è la mia materia, il mio lavoro, la mia passione

Mettendo insieme le parole “esperienza” e “psicologica”, abbiamo come risultato Esperienza Psicologica.
Da qui alla creazione del blog www.esperienzapsicologica.it il passo è stato breve.

Forse sembrerò poco professionale, qualche mio collega probabilmente dirà che questo non è un modo “psicologico” di scrivere, ma il mio cuore non ha regole e che io sappia non è neanche laureato in psicologia.

Non ci posso fare nulla. 🙂

Ovviamente sei libero di allontanare lo sguardo dalle mie parole, ma se lo fai ti accorgerai di avere una strana sensazione di disagio.

Ti sentirai come attratto da una calamita, attratto verso quello che sto scrivendo.

Lo sai perché?

Le parole che vengono dal cuore, e ci tengo a precisarlo, stimolano nel cervello le sostanze del buonumore e non possiamo fare a meno di queste sostanze

Non ti è mai capitato di leggere libri o articoli pallosi, ricchi di nozioni inutili, complesse, incomprensibili?
Almeno una volta nella vita ti sarà successo, ne sono sicuro. E dubito che ci sia stata un’attenzione alta da parte tua.

Penso a tutti quei poveri bambini che vanno a scuola con lo zaino pieno di libri: non è tanto il peso di ogni libro, quanto il peso di ogni parola che mi preoccupa, ancora di più se è inutile.

Ma quando si può dire che è inutile? Quando la parola non genera esperienza.

E l’esperienza è un qualcosa che sentiamo sul nostro corpo, anche il nostro cervello se ne accorge ed è così che la memorizza.

Questo è il motivo per il quale il contenuto di tanti libri viene rimosso dal nostro cervello, proprio perché è un contenuto che non crea esperienza: il corpo non partecipa e il cervello preferisce dimenticare.

Quando qualcuno viene da me chiedendomi di migliorare nello studio e nell’apprendimento, la prima cosa che dico è: <<prova a eliminare tutto ciò che non serve, ovvero libri, appunti, ecc. Cerchiamo insieme una nuova esperienza che possiamo fare in questo momento, mentre parliamo o mentre leggiamo”.

Con questo vorrei chiudere il primo articolo di Esperienza Psicologica, sperando di aver in qualche modo contribuito ad alimentare la voglia di costruire nuove esperienze. Scrivi pure tu un po’ di fesserie, pensa al metodo della scrittura automatica, cerca l’idea che nasce dal cuore e parlami della tua esperienza.

La prossima volta ti parlerò di tutto ciò che faresti bene a non leggere per evitare di danneggiare il tuo prezioso cervello.

A presto,

andrea de nuccio

In questo articolo

Scrivi un commento

16 comments

  1. Adele Rispondi

    in fondo le esperienze in qualche modo cambiano la vita delle persone!!!!!

  2. vera Rispondi

    è interessante l'idea della scrittura automatica ..!!!!come si fa esattamente me lo potresti spiegare ? vera

  3. Anonimo Rispondi

    Ciao)), vero è che pensare con il cuore ci permette di vivere in un mondo il cui centro è ovunque e i limiti da nessuna parte…d'altronde
    "le cœur a ses raisons, que la raison ne connaît point"….Seranti

  4. Anonimo Rispondi

    L'esperienza e' la base di qualsiasi concetto o conoscenza. Bravo a essere partito con questo argomento. Fare esperienza e' quello che ti permette poi di giudicare te stesso ed il mondo e ti permette di crescere in tutti i sensi. L'esempio dell'apprendimento dei bambini, ed anche nostro, come e' vero. Sai quanta difficolta' mi son trovata ad affrontare quando andavo a scuola per concetti che non riuscivo a farmi entrare in testa. E perche'? Perche' erano noiosi non solo i concetti, ma soprattutto chi li spiegava e come li spiegavano. E quando incontrai professori invece che, come si dice, incantavano i serpenti col loro parlare e ti facevano vivere cio' che spiegavano, fosse stato anche solo un concetto di matematica o ragioneria, allora, ancora oggi, a distanza di tanti anni, mi ricordo discorsi e gesti di quei particolari momenti. Ed ancora come dicevi te, l'esempio dei libri o articoli da leggere, se noiosi, neanche il titolo si ricorda, mentre se ci piace e ci prende, stiamo in piedi fino a notte inoltrata o come mi capita a volte mentre leggo sul bus, vorrei che arrivassi a destinazione il piu' tardi possibile per continuare a leggere e divorare pagine e pagine di quella storia.
    Ma allora caro Andrea, ora urge il tuo next step, il secondo articolo. Siamo tutti ansiosi di sapere come non distruggere il nostro cervello con letture sbagliate. E spero esca anche presto….
    Vuoi vedere che magari potranno essere la lettura degli stessi articoli pubblicati su siti di psicologia a dare effetti negativi??!!
    I am jocking, ovvio, ma ansiosa di leggere the next!
    Luisa M.

  5. M.Lucia Rispondi

    caro cuginetto complimenti per il tuo primo articolo! mi piacciono le tue idee sul esperienza continua cosi' sei grande!!!
    M.Lucia

  6. esperienza psicologica Rispondi

    mi fa piacere trovare di prima mattina dei commenti sul blog, significa che avete voglia di fare esperienza e questo non può che rendermi felice!!!

    adele ci dice che le esperienze cambiano la vita delle persone ma personalmente toglierei "in fondo"…penso che un'esperienza porta sempre ad un cambiamento.

    vera vuol sapere com funziona la scrittura automatica, anche altre persone tramite e-mail me lo chiedono, su questo argomento ci torneremo presto con un articolo.

    seranti dice: il cuore ci permette di vivere in un mondo il cui centro è ovunque e i limiti da nessuna parte.
    penso che dovremmo leggere spesso questa frase, ci farà sicuramente bene!!!

    m.lucia è contenta ed io lo sono ancora più di lei, un grazie immenso per il pensiero..

    luisa m. grazie mille per avere commentato in maniera dettagliata e profonda l'articolo; sono contento ti sia piaciuto ma ancora di più perchè hai parlato di te e questo è un grande passo verso una conoscenza autentica dell'altro, hai messo da parte i limiti ed hai commentato con il cuore brava!!!
    per quanto riguarda gli articoli di psicologia potenzialmente dannosi ti do pienamente ragione, purtroppo ne vediamo tanti in giro, sarebbe bello un giorno parlarne nel blog !!!
    un abbraccio ragazzi
    e a presto ….
    andrea de nuccio

  7. francesca Rispondi

    caro dottore vorrei farle i complimenti…
    il suo modo di scrivere semplice e chiaro è sicuramente alla portata di tutti e questo permetterà sicuramente di fare esperienza.
    LONGO FRANCESCA – MEDICO

  8. Anonimo Rispondi

    complimenti, il tuo articolo è davvero accattivante..!!Hai toccato un argomento complesso con estrema semplicità. Sono d'accordo, la conoscenza autentica è basata sull'esperienza ed è quella che la nostra mente memorizza più facilmente. Le conoscenze teoriche e astratte, che non si inseriscono spontaneamente nel nostro vissuto, invece, si dimenticano subito! Stefania

  9. Daniela Benedetto Rispondi

    Mi piace molto il tuo primo articolo, semplice, diretto..arriva al cuore, alla nostra esperienza e cioè alla conoscenza individuale, quella che ciascuno di noi vuole sperimentare ed approfondire.
    da bravo psicologo ci incuriosisci e rendi accattivanti i tuoi suggerimenti che ci inducono in trepidante attesa della prossima uscita…per conoscere e fare esperienza di tante altre interessanti conoscenze.
    Un caro saluto e complimenti

  10. Anonimo Rispondi

    Mi è piaciuto tantissimo questo post… certo che tu ormai sei psicologo fin dentro il midollo… è stupefacente il tuo modo di "catturare" l'attenzione…la calamita… non so perchè ma è la prima cosa che mi ha colpita… potrai di certo dirmelo tu… comunque per quanto riguarda la scrittura autmatica… beh… è il mio pane quotidiano… magari uno di questi giorni ti farò leggere qualcosina… 😛
    Sono curiosissima di leggere il seguito! Quindi dacci dentro! 🙂
    Antonella.

  11. Bruce Willis del Salento Rispondi

    Randy Pausch disse: "l'esperienza è quello che ottieni quando non ottieni quello che desideri…" bhe, io non sono daccordo.. io penso che l'esperienza è ogni attimo della nostra vita che precede il presente, perchè ogni attimo della nostra vita vale la pena viverlo proprio col cuore.. Cosa ne pensate? E soprattutto cosa ne pensi Dott.De Nuccio? Max

  12. esperienza psicologica Rispondi

    vi ringrazio ragazzi per i commenti sul blog!!!
    sono contento vi sia questa partecipazione; è bello leggere i vostri pensieri, da questi si può imparare davvero tanto.
    l'esperienza c'è nel momento cui proviamo a scrivere qualcosa, a condividere cioè!
    ogno momento è buono per fare esperienza…

    un pò come dice max: "l'esperienza è ogni attimo della nostra vita" e sono sicuro, conoscendolo, che lui può parlarci delle sue esperienze, degli attimi intensi di vita…

    cara antonella è un piacere per me, e penso non solo per me, sapere qualcosa di più sull'esperienza avuta con la scrittura automatica.grazie

    sono contento dottoressa Benedetto che ti sia piaciuto l'articolo, sono davvero felice di condividere con lei questa realtà..

    sono sicuro che anche tu stefania avrai modo, per il lavoro che fai, di confrontarti con tanti vissuti, sarebbe bello che tu ne parlassi per imparare cose nuove e per alimentare la nostra passione per il vero!

    cara dottoressa longo, non so quale sia la sua specializzazione, ma la ringrazio per il pensiero e sarei contento che parlasse anche lei dell' esperienza con i suoi pazienti, ma non solo..

    grazie mille
    andrea de nuccio

  13. Anonimo Rispondi

    Suggestiva esperinza psicologica… Che sia la prima di molte altre!

    Con affetto,
    Mirella

  14. Anonimo Rispondi

    È da più di un anno che seguo il blog eppure mi sono persa questo post fantastico, impossibile affermare che queste parole possano passare indifferenti. Ma la cosa che più mi attrae è sapere che da quando frequento esperienza psicologica non ho fatto che immergermi nelle storie di tutti, in modo sincero e quindi col cuore. È vero, quando c'è uno stimolo tutto viene da se senza pensarci e mi è capitato più volte di stupirmi difronte alle mie stesse parole messe insieme per formare dei semplici commenti. Eppure non ho mai avvertito una minima dose di disagio quando scrivevo dei commenti , forse questo commento è la testimonianza certa di quello che ho appena affermato. È vero anche che amo scrivere è che questo sia l'ambito che più mi sta a cuore ma esperienza psicologica non dà affatto l'idea di parlare solo su concetti relativi alla psicologia ma su tutto ciò che riguarda l'uomo. Mi è capitato spesso di dover dare ad alcuni miei amici, spiegazioni seppur banali per fargli capire che tutte le esperienze possono essere categorizzate nell'ambito della psicologia eppure loro si ostinavano a ripetere che non avevano alcun bisogno di ciò . Così proprio un giorno di questi con uno di loro mi sono divertita a dialogare intensamente su molti aspetti , l'ho fatto col cuore così come sono abituata a farlo ed ho capito che anche l'uomo più ostinato, che odia parlare di sentimenti , che non accetta il fatto di essere fragile e di aver sofferto , sa essere curioso come ad un bambino . Sono contentissima di aver insistito con questo mio amico e le successive volte che ci siamo incontrati è stato lui a chiedermi di parlare ma non in maniera povera come avveniva le altre volte, ma è nata in lui una grande curiosità ed è stato abbastanza pesante per lui ammettere ciò . Siamo amici da tanto tempo e ogni volta che lo spingevo ad aprirsi completamente lui ammetteva di essere una persona forte che non aveva alcun motivo di farlo invece ora credo che CI SONO RIUSCITA ANZI CI SIAMO!! Pertanto quest'uomo ha capito che la “rivelazione del sé” è possibile
    Tu che pensi Andrea??
    ANONIMO2

  15. Anonimo Rispondi

    25/03/2014.perchè Esperienza Psicologica? perché è "noi" e non "io" ma guarda ad ogni singolo e non generalizza,perchè le piccole domande le fa diventare grandi riflessioni,perchè è lontana ma presente,perchè è semplice e alla portata intellettiva di tutti,perchè spiega dove deve e lascia arrivare dove devi tu,perchè c'è anche il cuore oltre la mente,perchè c'è l'apertura oltre gli schemi dello studio,perchè è disponibile all'ascolto,all'adattamento,ad andare dove gli altri si fermano,perchè aiuta ad aiutarti,perchè è in continua ricerca,perchè non da per scontato,perchè è piccola da "tenere nel tuo angolino di vita" ed è grande da espandersi al mondo,perchè è collaborazione e coinvolgimento di tutte le cose,di tutte le idee e di tutte le persone,perchè non ha paura di chiedere ed è alla luce del sole..perché un'esperienza psicologica si fa con il cuore,visto che nella nostra mente ci sono disagi,dolori,gioie,ansie ed emozioni che partono tutte da li..questo è ciò che vedo io in e.p…e se per caso mancasse qualcosina sono sicura che sarà inserita,perchè e.p. è anche questo…grazie.Emerenziana.

  16. esperienza psicologica Rispondi

    Grazie Emerenziana. Molto gentile!
    andrea de nuccio