A prescindere dalla scelta abbiamo comunque fatto la cosa “giusta”, l’importante è aver fatto una scelta

Siamo alle soglie del 2012 e qualche domandina ce la facciamo anche nella nostra amata toilette…

Stamane, mentre mi lavavo i denti, mi sono chiesto: «hai fatto la cosa giusta?».

Pensavo a un mio comportamento rispetto a un evento passato. Talvolta non sappiamo proprio come procedere, ma la risposta arriva…

Non dovremmo mai sottovalutare il nostro inconscio: “lui” sa come aiutarci!

Sei curioso di conoscere la mia risposta inconscia?

L’inconscio ha detto “Sì”. Sì, avrei fatto la cosa giusta! 🙂

Se abbiamo fatto bene o male non importa, abbiamo fatto una determinata cosa (in passato) e non possiamo tornare indietro. Riguardo al passato possiamo fare ben poco. Non credi?

A prescindere dalla scelta, hai fatto comunque la cosa “giusta”. L’importante è aver preso una decisione.

Le conseguenze di una nostra scelta possono farci riflettere e indurci a fare scelte migliori in futuro.

Il modo migliore per non sprecare energia quindi è risolvere il nostro conflitto subito, cercando di dare più spazio alla nostra mente inconscia, alla nostra creatività, al nostro istinto per intenderci.

La parte meno razionale del nostro cervello non ama complicarsi la vita e ci dà una risposta semplice e quasi immediata.

Nel mio caso la risposta affermativa ha potuto escludere in modo automatico tutta quella serie di processi psichici (riguardanti il rimuginare, il senso di colpa, il dolore, il pensiero ossessivo, ecc.) che sovraccaricano il nostro cervello e che difficilmente ci portano verso la soluzione.

Un abbraccio e Buon 2012!

andrea de nuccio

In questo articolo

Scrivi un commento

10 comments

  1. Anonimo Rispondi

    …d'accordissimo con te…dovrebbe essere un buon proposito per tutti…meno seghe mentali nel 2012…affidiamoci di più all'inconscio..!! Un abbraccio, Stefania

  2. esperienza psicologica Rispondi

    ciao stefy grazie ! andrea de nuccio

  3. ale Rispondi

    mi piace questa filosofia e-p :)) sono contenta di leggere i vostri articoli.
    GRAZIE
    ale

  4. Riccardo Vittoria Rispondi

    Mi manca un passaggio, come si accede all'inconscio? Perché il ruminamento mentale spesso è così forte che azzera tutti i messaggi che arrivano da "sotto".
    Non mi sembra una cosa così ovvia.

    Ciao Riccardo.

  5. esperienza psicologica Rispondi

    grazie ale. andrea de nuccio

  6. esperienza psicologica Rispondi

    ciao Riccardo, per accedere al nostro inconscio dobbiamo fare ben poco..semplicemente aspettare e osservare.
    Non è una risposta pensata ma viene spontaneamente. Affidati pure al tuo inconscio e ti accorgerai di non aver bisogno di pensarci troppo.
    Spero di essere stato chiaro!
    a presto
    andrea de nuccio

  7. Riccardo Vittoria Rispondi

    Ho paura di no Andrea, non sei stato chiaro. Nel senso che quello di cui mi accorgo è che la mente spesso nelle situazione di ansia crea così tanto rumore che non arriva nulla dall'inconscio. Se fosse così semplice non staremmo spesso così male e non avremmo bisogno di psicoterapie varie.
    Si ci sono delle situazioni in cui non sei così coinvolto, in cui non ci sono di mezzo emozioni e la storia di una vita, e allora probabilmente la risposta arriva da sola. Ma dove servirebbe davvero ho l'impressione che ci siano in campo delle forze così potenti che… diventa difficile riuscire a sentirla.
    Da quanto scrivi nei tuoi post spesso ho l'impressione che suggerisci che se una situazione "ti fa star male" devi solo evitarla. E' davvero il tuo suggerimento?

  8. Riccardo Vittoria Rispondi

    Risolto! Ho parlato con Rosaria e mi ha spiegato tutto!!!!

    😀

    Ciao Andrea! Grazie comunque.

  9. esperienza psicologica Rispondi

    ah! sono contento :)..ringraziala da parte mia.
    ciao
    andrea de nuccio

  10. Elena Rispondi

    Secondo me se la scelta è stata fatta d'istinto sulla base di una nostra sensazione, provata nell'atto della scelta di un comportamento piuttosto che di un altro, allora sicuramente abbiamo fatto la cosa giusta.
    A me capita spesso di chiedermelo ma so che se il mio istinto mi ha guidato in una direzione piuttosto che in un'altra allora ho fatto bene. Le "seghe mentali" servono a ben poco, bisogna fidarsi solo delle proprie sensazioni.