La “solita vita” non è vita perché non c’è cambiamento, quest’ultimo invece è importante perché ci fa sentire vivi

 

Giorni fa al telefono chiedo al mio amico: “come va?”.

Lui mi risponde: “solita vita”. Per fortuna questa non è l’unica risposta che possiamo dare a domande del genere.

Questa “solita vita” proprio non mi piace!

Personalmente preferisco risposte come: “non mi posso lamentare”, “davvero un bel periodo”, “ci sono buone novità”, ecc.
Vanno bene anche risposte del tipo: “non è un buon periodo”, “ho bisogno di mettere ordine nella mia vita”, “ci sono un po’ di problemi”, ecc.

Sono meno positive, ma a mio parere sempre meglio della risposta “solita vita”.

Se non c’è cambiamento non c’è vita, c’è la “solita vita”

 

La “solita vita” non è vita perché non c’è cambiamento, quest’ultimo invece è importante perché ci fa sentire vivi.

Arriva l’anno nuovo e dovremmo pensare ad una nuova vita…
Come? Ecco gli step di E.P!
Mi raccomando… leggi e soprattutto cerca di metterli in pratica!

1° gradino: osservare
Osserviamo bene tutto ciò che ci circonda: amici, parenti, lavoro, partner, casa, stile di vita, paese, ecc.

2° gradino: individuare il blocco e attivare l’ingranaggio 
Può esserci una situazione di stasi che può riguardare uno o più elementi sopra citati che non ci fa andare né avanti e né indietro. Bisogna riattivare l’ingranaggio!

3° gradino: intervenire e promuovere il cambiamento
Per esempio, se non siamo più soddisfatti del nostro amore e ci sentiamo spenti e privi di entusiasmo, allora è il caso di intervenire modificando qualcosa. Se è necessario cambiamo partner!

3 semplici passi e ritorniamo a vivere!

Ti auguro il meglio: le cose più belle, l’amore vero, tanta salute e serenità!

Un abbraccio e Buon 2013!

 

andrea de nuccio

 

In questo articolo

Scrivi un commento